fbpx Skip to content

Il suo benessere inizia molto prima della nascita

"Sono sempre più i papà che vogliono essere presenti alla nascita del proprio figlio"

Capitolo 12 - Insieme, per accogliere il neonato

CATEGORIA: Il suo benessere comincia molto prima della nascita
INTERESSA: 0 +
TEMPO DI LETTURA: 2 min

Sebbene alcuni studiosi come Frédérick Leboyer, che ha più volte definito i padri “intrusi”, accusandoli di “distrarre” l’attenzione della mamma dal neonato, o Michel Odent che, parlando della potenza generativa delle donne, ha evidenziato come la presenza del padre possa bloccare i meccanismi automatici, istintivi, che facilitano l’espulsione, sono oramai largamente riconosciuti gli effetti positivi che la presenza e la vicinanza del partner hanno sulla serena riuscita di un parto.

Secondo l’ultimo Rapporto CeDAP (Certificato di Assistenza al Parto) sull’evento nascita in Italia, relativo al 2017 e pubblicato dall’Ufficio di statistica del Ministero della Salute a settembre 2020 (29), “nel 91,85% dei parti vaginali, al momento del parto la donna ha avuto accanto a sé il padre del bambino, nel 6,7% un familiare e nell’1,4% un’altra persona di fiducia”.

Partecipare alla nascita del proprio figlio è una grande opportunità di crescita personale, una bella pagina da scrivere nella storia della coppia, un viaggio nell’affettività, un’emozione straordinaria.

Per essere di aiuto, però, il papà dovrà trasmettere calma e infondere fiducia alla partoriente. Non dovrà imporre il proprio intervento inutilmente e dovrà adeguarsi ai continui e improvvisi cambiamenti di umore, agli sfoghi di rabbia e di frustrazione della propria partner, aiutandola a superarli con il complice aiuto del personale sanitario.

E’ bene dunque che il papà partecipi ai corsi di preparazione al parto, soprattutto agli incontri sulla nascita, in modo da farsi trovare preparato all’appuntamento più travolgente della vita!

Iscriviti alla newsletter

Riceverai per prima le ultime novità dal Baby Wellness Lab!

Leggi le opinioni di...

Leggi le opinioni su questo articolo da parte di fonti autorevoli in campo scientifico o di aziende specializzate.

Ancora nessun contributo, aggiungine uno!


Contribuisci