fbpx Skip to content

Il miglior nutrimento fin dall'inizio

"Gli alimenti preparati a casa sono in media più nutrienti di quelli industriali"

Capitolo 11 - Pappe industriali o fatte in casa

CATEGORIA: Il miglior nutrimento fin dall'inizio
INTERESSA: 0 +
TEMPO DI LETTURA: 3 min

Nel corso degli ultimi decenni, sugli scaffali dei supermercati si sono moltiplicati i prodotti per l’alimentazione della prima infanzia, destinati proprio alla delicata fase in cui nuovi cibi affiancano le poppate nella dieta dei bambini: pappe a base di cereali, omogeneizzati, vasetti di frutta, formaggini. Offrono ai genitori il vantaggio della praticità. Sono prodotti pronti o che devono essere solo ricostituiti con l’aggiunta di acqua, si conservano e si trasportano facilmente. Ma sono davvero adeguati alle esigenze nutrizionali del bambino? La loro qualità e sicurezza è paragonabile a quella degli alimenti preparati in casa con ingredienti freschi?

Su questo argomento si sono formate nel corso del tempo vere e proprie fazioni che ne discutono animatamente sulla stampa e sui social media. Chi si dichiara a favore degli alimenti industriali apprezza, oltre alla loro praticità, il fatto che per legge siano sottoposti a stretti controlli di sicurezza prima dell’immissione in commercio e che anche la loro composizione nutrizionale debba rispondere a precisi criteri fissati dalla legge, al contrario dei cibi preparati in casa, la cui qualità può variare a seconda delle materie prime, della ricetta usata e delle modalità di preparazione e di conservazione. Chi propende per la preparazione domestica delle pappe critica i prodotti commerciali per l’eccessivo contenuto di zuccheri, l’uso dei conservanti e il valore scarsamente nutritivo.

Dal punto di vista scientifico ci sono pochi studi che confrontano l’alimentazione complementare a base di pappe preparate in casa con quella a base di prodotti commerciali. La maggior parte dei bambini mangia un po’ dell’uno e un po’ dell’altro e ingredienti e qualità delle preparazioni domestiche cambiano da famiglia a famiglia. Non vi è insomma uno standard unico a cui fare riferimento.

Da un confronto basato sulle ricette usate dai genitori, emerge (17) che gli alimenti preparati a casa sono in media più nutrienti di quelli industriali, quanto a densità calorica, contenuto di proteine e di ferro. La cucina domestica è in media più ricca di sale, un po’ troppo rispetto alle raccomandazioni degli specialisti. I prodotti commerciali, d’altro canto, benché non possano contenere zucchero aggiunto per legge, fanno ricorso a succo di frutta e vegetali dolci, come zucca, carota e patata, per rendere il gusto più appetibile ai bambini, (18) contenendo così una quantità di zuccheri non aggiunti superiore a quella delle pappe fatte in casa. Inoltre, il sapore degli alimenti industriali tende a essere abbastanza uniforme rispetto alla varietà dei gusti offerti ai bambini attraverso la cucina domestica, che è una buona palestra per abituarli alla maggior varietà possibile di ingredienti.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai per prima le ultime novità dal Baby Wellness Lab!

In conclusione, gli studi condotti finora non evidenziano differenze significative dal punto di vista nutrizionale tra pappe fatte in casa e prodotti commerciali, a patto che i genitori siano consapevoli del contenuto e delle caratteristiche delle une e delle altre quando le scelgono e le offrono ai figli. Per esempio, 100 grammi di omogeneizzato di pollo non equivalgono a 100 grammi di carne. Ne contengono 40 o poco più, uniti ad altri ingredienti, come le patate. È quanto prevede la direttiva che disciplina gli alimenti per l’infanzia in commercio in Europa (19). Se poi la denominazione del prodotto contiene due o più ingredienti, di cui la carne è il primo, per esempio “pollo e verdure”, la soglia minima di pollo ammessa dalla direttiva scende al 10%. Se la denominazione è “verdure e pollo” e la carne è al secondo posto, la soglia minima scende al 6%. Per calcolare quanta carne il bambino abbia effettivamente mangiato, quindi, non basta leggere la denominazione del prodotto, ma bisogna verificare il contenuto nella lista degli ingredienti sull’etichetta.

E dal punto di vista della sicurezza? La Direttiva Europea sugli alimenti per l’infanzia limita in modo rigoroso la presenza di residui tossici dei pesticidi e di contaminanti nei prodotti commerciali, che dunque non comportano rischi maggiori rispetto alle pappe fatte in casa. I prodotti confezionati richiedono necessariamente la presenza di conservanti, che invece sono assenti nei pasti preparati con ingredienti freschi e serviti immediatamente al bambino. Anche se la Direttiva Europea limita la lista degli additivi ammessi, gli specialisti sono concordi nell’affermare la superiorità degli alimenti freschi rispetto a quelli conservati. I presupposti fondamentali alla base delle scelte operate giorno dopo giorno devono essere la consapevolezza, la varietà della dieta e la flessibilità dell’approccio che deve tener conto per forza di cose anche dei tempi a disposizione dei genitori.

In ogni caso, il fattore determinante nel far accettare di buon grado le proposte al proprio bambino è il clima con cui non solo vengono offerte le pappe, ma anche preparate. Gli ingredienti principali dei pasti sono l’armonia e la serenità in famiglia.

Leggi le opinioni di...

Leggi le opinioni su questo articolo da parte di fonti autorevoli in campo scientifico o di aziende specializzate.

Ancora nessun contributo, aggiungine uno!


Contribuisci